Post in evidenza

Le nostre macchine

Le nostre macchine sono il frutto di una ricerca seria avviata quarant'anni fa, fuori dagli schemi della tradizione scientifica. Seg...

mercoledì 28 febbraio 2018

La coscienza del buon medico

Quando penso ai miracoli che vengono compiuti in terapia intensiva per salvare vite in extremis, sono colto da angoscia nel vedere che poi queste vite vengono rovinate da interventi medici fuori da ogni logica. La medicina e di conseguenza i medici hanno due volti, uno bello, pieno di umanità votato al sacrificio pur di essere utili ai sofferenti; l'altro speculativo, mirato a degli interessi personali e di casta che nulla hanno a che vedere con la nobiltà della professione medica.
Durante la mia lunga esperienza professionale ho visto fare dei sacrifici da parte di medici devoti alla professione al limite del tollerabile, medici semplici nella loro personalità ma determinati nella professione; innamorati della vita umana convinti di doverla difendere ad ogni costo. Altri che faccio molta fatica a considerarli medici, sfrontati, pieni di sé, incapaci persino nella conoscenza della professione, che occupavano e che occupano posizioni ad alto livello nell'ambito della medicina. Personaggi senza valore morale e purtroppo anche senza arte, a dettare legge sottomettendo superbamente chi invece era ed è degno di grande rispetto.
No la politica nella professione medica perché il medico politicizzato è peggio di un bisturi che taglia a caso un corpo bisognoso di una mano precisa per rendere salute dov'è questa è venuta meno. La medicina è un'arte e l'artista non può essere un imbroglione, l'artista ama la vita nella sua grandezza e bellezza, gli imbroglioni devono essere cacciati unitamente alle loro terapie assurde dalla professione medica, loro sono dei pericoli per la vita.

lunedì 26 febbraio 2018

E' meglio un drago a cento teste

Io non ho paura di un drago a cento teste, con un po' di forza e un po' di scaltrezza si potrebbe anche vincere. Però ho molta paura di chi mente sapendo di mentire, perché questi sono disonesti. La disonestà agisce senza logica per questo è imprevedibile e molto pericolosa. Alcune frange della politica sono alimentate da personaggi falsi sapendo di mentire, di questi dobbiamo avere paura, perché parlano bene e razzolano male. Per scongiurare il pericolo di essere imbrogliati dobbiamo stare molto attenti a prestare loro la nostra fiducia, perché poi ci potremmo rimanere molto male.

Lo stupidario


Lo stupidario medico, la scienza medica del terzo millennio. I virus che saltellano da un posto all'altro; i virus della pertosse: il tetano che si trasmette da nonni a nipoti; l'epidemie di morbillo che nel solo Regno Unito ha causato 270 morti. Per altre informazioni relative alla salute pubblica, si prega di telefonare al ministero della non salute e chiedere specificatamente della Lorenzin premio Nobel dello stupidario. Mi raccomando votatela se volete avere ancora per cinque anni i benefici dello stupidario aggiornato.

Il tetano disubidiente.


Questo tetano di nuova generazione che ha cambiato abitudine, adesso si prende da nonni a nipoti. Questo tetano sciagurato che cambia abitudini senza avvisare nessuno, non lascia il tempo agli esperti di preparare un vaccino adeguato e al ministro di adeguare la legge.
Quanta ignoranza in quel ministero della non salute che riesce a confondere le abitudini persino del batterio Clostridium Tetani. Con il ministero della Lorenzin neppure i batteri hanno più pace.
Mi raccomando, votatela, se riuscirà a rifare per altri cinque anni il ministro della non salute, studierà una legge in collaborazione con gli esperti: che i piedi diventeranno la testa e la testa i polmoni.

Il mistero Lorenzin


La Lorenzin che spera ancora di diventare ministro della salute dopo la schifezza di legge che ha fatto passare, se crede ancora a questa possibilità, è proprio fuori di testa. Non posso pensare che siano gli italiani fuori di testa a votarla, perché se questa dovesse andare ancora per cinque anni al governo i cittadini si devono scordare la libertà. Questa è una donna che ha capito molto male come si vive in comunità, forse perché alienata da un forte senso di inferiorità, tenta in tutti i modi di acquisire fiducia in sé stessa sottomettendo gli altri.
Stiamo molto attenti nella scelta elettorale, certi personaggi sono pericolosi più della bomba atomica.


Morbillo e vaccinazioni secondo la Lorenzin - VIDEO


domenica 25 febbraio 2018

Le bugie hanno le gambe corte

Quanti giudizi negativi, forse anche un tantino esagerati al dott. Burioni medico. Questo signore è andato oltre il limite massimo della tollerabilità, non riesce a capire che in questo modo si auto elimina. Il suo torto è quello di essere talmente tanto in malafede che lo hanno capito tutti, persino chi crede nella bontà dei vaccini. Il Burioni medico per difendere le proprie idee calpesta quelle degli altri, offendendo con atteggiamenti da carrettiere chiunque non la pensa come lui. Lui sa benissimo che confrontandosi con altri medici di pari livello riuscirebbe a fare solo brutta figura, per questo motivo rifiuta ogni sorta di confronto. I confronti ama sostenerli solo con chi la pensa perfettamente come lui. È questo che confronto può essere? In una conferenza organizzata per pubblicizzare il suo ultimo libro, in sala erano presenti esperti meritevoli di tale titolo i quali cercavano un confronto educato ed educativo per tutti i presenti, la sua risposta è stata molto significativa per capire la natura del soggetto, come ha visto che le cose si mettevano al peggio per lui si è alzato e ha abbandonato la conferenza. Dovrebbe essere almeno più furbo, magari qualche risultato a suo favore lo potrebbe anche ottenere, ma la furbizia è un dono che se uno non la possiede non la può comprare. Piano piano la storia delle vaccinazioni obbligatorie è destinata a crollare sotto il suo peso, e Burioni ritornerà ad essere un medico sconosciuto del San Raffaele, ricordato solo per la sua storia passata che non ha mai brillato di luce propria.

venerdì 23 febbraio 2018

Rifiutati anche dai marziani.

Quando arriverà la scienza vera, quella tanto per intenderci che considera l'essere umano come una entità energeticamente organizzato, questi poveretti di intelletto che oggi spadroneggiano ci rimarranno talmente male che chiederanno il trasferimento su Marte. Ma quando arriveranno su Marte e i marziani saranno già stati informati del loro arrivo, si schiereranno in massa per mandarli sul sole, così bruceranno come è giusto che sia. Purtroppo per un periodo di qualche anno il sole non manderà la sua brillantezza sulla terra in quanto dovrà disintossicarsi dalle tossine causate dalla combustione degli emigranti terrestri, indesiderati sia dai terrestri e ancora di più dai marziani.

La Gestapo


La pratica vaccinale studiata dai sapienti della scienza, legalizzata dal ministro ignorante, sostenuta da un parlamento di draghi della politica, sta costruendo una sorta di pericolosissima imbalsamazione generale della popolazione.
Così è, perché non esiste più la scienza. La scienza ha subito un processo di metamorfosi molto grave, diventando un mostriciattolo irriconoscibile.
Il medico che rassicura il proprio assistito, non esiste quasi più, ai tempi nostri esiste un tecnico della medicina, sbrigativo senza anima. Questi tipi sono più freddi del ghiaccio. Quando arrivano seguiti dal codazzo di ruffiani che dicono sempre sì per la paura di essere additati, con il muso duro che sembrano membri della Gestapo, poveri ammalati, che già hanno i loro problemi per la malattia, trovandosi di fronte un soggetto del genere, che per chi non è addetto ai lavori quando parla non capisce nulla di quello che dice, che trauma!! Mai un sorriso, mai un gesto di amicizia, mai una carezza, che se fosse data con sincerità sarebbe l'inizio di una buona cura. Per grazia del Signore non sono tutti così, ci sono ancora bravi medici che svolgono la loro professione come se fosse una missione, a questi vita lunga. Anche agli altri vita lunga c'è sempre la possibilità e la speranza che si possano convertire.

martedì 20 febbraio 2018

La scienza da età della pietra


La scienza che fa gridare alla Lorenzin: con la legge sulle vaccinazioni salveremo l'Italia e gli italiani dalle malattie più terribili, è una scienza da età della pietra. Questi scienziati della non scienza, capiscono molto poco di come funziona l'organismo umano, credono ancora oggi che la vita sia uscita dall'uovo di pasqua. Dicono è da cretini rinunciare al grande progresso della medicina; un progresso c'è stato, però in negativo. Non lo dico io ma la realtà inconfutabile. Per rendersi conto, è sufficiente andare a far visita negli ospedali e si apre uno scenario allucinante, milioni di persone che agonizzano un pochino di salute che mai arriva. Persino i bambini dopo poco tempo dalla nascita, già soffrono di malattie croniche, malati dalla nascita. Questa è la medicina del progresso, che per alcuni pseudo scienziati bisogna seguire. A morte l'ignoranza che si fa prepotenza.

I falsari della politica

L'assurdità dei senza cervello. La politica dei politicanti chiede il voto ai cittadini sapendo quasi per certo che nessuno delle coalizioni raggiungerà la maggioranza per governare. La quasi certezza che subito dopo le elezioni del quattro di marzo si dovrà andare a votare per la seconda volta con la medesima legge elettorale. Io, onestamente non conosco la cifra in miliardi che si devono spendere per una tornata elettorale, però a occhio credo tantissimo; sfido chiunque a dire che questa è democrazia. Non vi pare che questi signori, che tra l'altro sono sempre gli stessi, se ne freghino dei sacrifici dei cittadini e continuino a seguire indisturbati la via della presa in giro senza alcun rispetto? In una nazione dove un numero non ben definito di persone tirano la cinghia, ci si permetta di sperperare miliardi in questo modo, è il paradosso del paradosso. Attenzione gente, occhi aperti e non facciamoci ingannare da questi falsari della politica, mandiamoli tutti a casa.

Il buon politico

Quando la politica è organizzata nel modo che tutti traggano il giusto profitto che poi in realtà è la possibilità di vivere la propria esistenza con dignità, allora è cosa buona. Quando invece la politica è finalizzata alla protezione degli interessi dei pochi, è cosa diabolica. La buona politica rispetta le leggi naturali che significa prima di tutto rispetto per la vita; quando la politica non rispetta le leggi della vita è una organizzazione a delinquere che significa disprezzo per la vita umana. Il buon politico si sacrifica per il bene del popolo, non mira a raggiungere privilegi sfruttando in modo disonesto l'incarico che gli è stato affidato dal popolo. Il buon politico non si dimentica di essere servitore del popolo nell'espletamento delle sue funzioni, rispetta a costo del proprio sacrificio ciò che il popolo ha indicato di fare. Il buon politico ama i propri simili, si mostra saggio e sempre disponibile diventando punto di riferimento per ogni bisognoso di aiuto. Il buon politico è colui che rispetta le tradizioni di un popolo che sono i fondamenti insostituibili per una vita in armonia.
Chi non ha queste caratteristiche morali non può essere un buon politico e quindi cacciato.

La politica degli sciacalli


La politica italiana è costituita da una banda bassotti che non può offrire più nulla di buono, bisogna diffidare da questa gente che fanno a gara a chi le spara più grosse. Le sparano talmente grosse che sono delle barzellette neanche tanto belle. Oggi, il popolo deve prendere in mano la propria libertà, la propria dignità, la propria vita e non cedere più alle false lusinghe di personaggi senza dignità che pensano solo al loro orticello. Credo fermamente che questa del quattro di marzo sia l'ultima occasione pacifica prima della rivoluzione, o prima della caduta totale della libertà individuale e collettiva. Il popolo italiano è un grande popolo, deve solo imparare a difendersi dagli sciacalli.

domenica 18 febbraio 2018

La laurea

Continuo a leggere su Facebook che la Lorenzin è un cattivo ministro perché non è laureata. Io mi chiedo e se mi permettete chiedo anche a voi: se fosse laureata sarebbe diversa? L'integrità morale di una persona non è direttamente proporzionale al titolo di studio. Una persona, laureato o no, se non ha i requisiti morali per essere onesto, non lo è in ogni caso. Quindi, la Lorenzin candidata alle prossime elezioni non deve essere votata perché non è laureata, ma per altri motivi.
Voi pensate, se Il Prof. Burioni fosse nelle liste dei candidati alle prossime elezioni, voi lo votereste? Da quello che leggo su Facebook mi pare proprio di no; però lui è laureato, ha una specializzazione e un dottorato in medicina. Proviamo a riflettere bene su questa questione della laurea, perché altrimenti se i riferimenti che ci orientano al voto sono basati sul titolo di studio, corriamo il rischio di rimanere fregati per altri cinque anni.
"la storia è piena degli errori e delle puttanate dette da grandissimi scienziati... per ogni grande scienziato passato alla storia vi posso dire qualche puttanata documentata che ha detto... " (Emilio Del Giudice - Video)

sabato 17 febbraio 2018

Il potere temporale.


Quello che non sopporto è: che io essere umano sufficientemente intelligente, ben preparato in ambito medico, responsabile e che per buona parte della mia vita l'ho passata ad aiutare i più bisognosi, debba per una legge fuori misura ascoltare quello che dice la Lorenzin. Un ministro della salute per caso, che non capisce nulla di medicina, che molto probabilmente finirà anche di fare il ministro. Oggi, per una legge imbastita con dei furbeschi stratagemmi scaturita da una politica ambigua, milioni di bambini siano obbligati a subire un trattamento sanitario pericolosissimo, è incomprensibile oltre che intollerabile. Al di là di ogni altra considerazione quello che fa più senso è il fatto che questa legge assassina sia stata studiata da una persona ignorante al limite massimo di medicina e che sia stata fatta passare come una grande conquista in difesa della salute collettiva. Ma quello che è ancora più assurdo è il fatto che milioni di genitori credono a così tanta malefica imposizione. La società è al limite massimo dello smarrimento: sociale, culturale e della libertà personale.

venerdì 16 febbraio 2018

La congiura dei somari


La congiura dei somari, importante trattato di scienza dell'oratorio di campagna, non vende. Sarà, forse, che la gente inizia a svegliarsi e non crede più a scatola chiusa alle sciocchezze che vengono vendute con il piglio di chi pensa di avere sempre ragione, mettendo in discussione persino la democrazia e la libertà.
Io che sono un divoratore di libri, per leggere "la congiura dei somari", un libro che con un minimo di impegno si potrebbe leggere in poche serate, sono riuscito a finirlo solo poche sere fa. In molti capitoli tappandomi il naso perché molto indigesto.
L'autore, ha riservato un breve capitolo sull'Omeopatia. Il soggetto mette in luce la sua ignoranza relativa al tema omeopatico, io credo che una persona con un minimo di intelligenza quando vuole trattare un argomento che non conosce, deve prima di tutto studiarlo, questa non è una affermazione mia, ma sua, lui dice: chi non sa deve stare zitto e ascoltare chi conosce, probabilmente la regola non vale per tutti. Afferma, l'Omeopatia non può funzionare perché non contiene nulla. Per poter credere all'efficacia dell'Omeopatia bisogna riformare le leggi della chimica; questa è l'unica verità che è riuscito a scrivere nel suo libro. Io aggiungo per credere nella medicina bisogna riformare le regole ed iniziare a ragionare come la natura ci insegna.
Vi consiglio di leggere la congiura dei somari, è molto utile per capire la personalità del suo autore.

Il Nobel


Il Nobel viene assegnato a chi è riuscito ad estrapolare dal libro della vita dei principi di grande utilità per il bene del genere umano. Queste persone hanno il merito di aver messo a disposizione la propria intelligenza, dono di madre natura, senza pretendere nulla in cambio, perché consapevoli che la loro intelligenza è solo un dono. Ora, vi sono persone che pur avendo ricevuto in dono l'intelligenza non si rassegnano nel pensare che sia un dono ma una loro caratteristica.. e che Madre Natura non centri nulla. L'arroganza fatta a persona. 
Questi sperano di ricevere il Nobel, ma non avendo le caratteristiche morali, spirituali e scientifiche per poterlo ricevere, inventano di loro falsi stratagemmi per cercare di convincere chi di competenza. La verità guida le menti, quindi questi signori di cattiva morale si scordino di poter ricevere il Nobel perché la giustizia ha gli occhi ben aperti e non si lascia ingannare neanche dai più furbi. La giustizia è verità e la verità non si può ingannare. Non è il titolo accademico che conta e neppure il luogo di lavoro più o meno famoso, ma quello che l'essere umano riesce a fare per il bene della collettività che fa assegnare il Nobel. Per ricevere il Nobel, oltre alle capacità scientifiche bisogna possedere grandi capacità morali e ad alcuni desiderosi aspiranti manca totalmente.

mercoledì 14 febbraio 2018

I poveri di scienza


I poveri di scienza e poveri di mente che non riescono ancora a rendersi conto quanto male causano alla società dei più piccoli per aver accettato una legge malata. Continuano ad insultare chiunque non si uniforma a questi falsi principi. Forse verrà il giorno che usciranno dal torpore per iniziare a ragionare con mente pulita dal l'arroganza di essere i più bravi di tutti. E quando usciranno dal torpore dovranno placare gli stimoli della coscienza che sussulterà amarezza per i danni provocati. Per molti la conversione dei tanti quando avverrà, sarà troppo tardi, però si potranno salvare molti altri che hanno avuto la fortuna di esiste nei giorni della saggezza.
A chi si ribella ai soprusi di una scienza del male, auguro vita lunga, non perdetevi di animo e continuate a lottare con tutte le forze perché alla fine sarete compensati con grandi meriti, sarete stati precursori di vera giustizia.

domenica 11 febbraio 2018

La vita non è un punto di vista.


La vita non è un punto di vista, la vita è sacra per ognuno di noi, ognuno di noi ha la propria sacralità che deve essere concessa nel rispetto delle leggi primordiali della creazione.
La vita non può essere commercializzata, nessuno si può impossessare della vita altrui, neppure la legge emanata da un parlamento che non può rappresentare la totalità dei cittadini. Fino a quando vige la legge della maggioranza il parlamento è un ordinamento falso. La percentuale del cinquantuno vince sulla percentuale del quarantanove, una sorta di organizzazione a delinquere che non può trovare giustificazione neppure nelle più degradate organizzazioni.
L'essere umano deve uscire dal torpore di un retaggio educativo che nasce dalla disonestà di approfittatori, per riprendersi la vera libertà che è il primo dono che l'essere umano ha ricevuto ancor prima della vita. La malattia è la conseguenza di una organizzazione sociale che non rispetta la libertà individuale di ogni cittadino, questo è il grande male che bisogna estirpare se si vuole vivere la vita in pace e in salute. La legge dei virus applaudita da certi personaggi di potere è falsa come sono falsi quelli che la sostengono.

sabato 10 febbraio 2018

L'ombra del mistero


L'ombra del mistero. Cosa si cela dietro alla scienza dei virus saltellanti, un mistero tutto da risolvere. I bambini che muoiono ma tutto tace, l'ombra del mistero. Asini raglianti, io sono il più bravo, anche i Nobel si lamentano. Il Nobel viene assegnato per grandi meriti, però anche loro possono rimbambirsi. L'ombra del mistero un enigma tutto da risolvere. Un giorno sapremo la verità di un mistero nato per volontà di pochi che ha rovinato la vita a tanti. L'ombra del mistero.

mercoledì 7 febbraio 2018

Il titolo di studio

Il grande Burioni rispondendo ad un onorevole che chiedeva un confronto: prima ti devi prendere una laurea, una specializzazione, un dottorato e poi ne possiamo parlare. Oppure io parlo e tu stai zitto e ascolti così ti posso insegnare qualcosa di utile. Come mai Burioni quando ti viene proposto un confronto da chi ha: una laurea, una specializzazione e magari anche qualche titolo accademico che tu non hai, non accetti il confronto? Sarà forse una questione di laurea oppure qualche difficoltà a sostenere un confronto? Io avevo un compagno di corso che agli esami prendeva sempre 30/30 e lode, così pure alla tesi di laurea 110 e lode, conosceva tutto quello che studiava, sapeva persino i numeri delle pagine dell'argomento in questione, però con tutto il rispetto, a quell'amico non avrei portato neppure il gatto da curare. Sarà una questione di titoli oppure di sapere realmente le cose come madre natura le ha previste?

Si mangiano pure le donazioni

La politica dei bugiardi. Se all'Italia togliamo tutte le opere di volontariato con i tanti volontari, le donazioni donate dal buon cuore del popolo italiano, l'Italia sarebbe un terzo mondo. La gravità che identifica una classe politica truffaldina è il non utilizzo delle donazioni per gli scopi per cui sono state donate. Lo stato non solo è molto restio a risolvere i problemi, ma disonestà della sorte si trattiene anche le donazioni, lasciando nelle difficoltà più crudeli milioni di persone, vedi terremotati.
Attenzione alle prossime elezioni, non facciamoci imbrogliare ancora.

martedì 6 febbraio 2018

Il fallimento della medicina

La medicina di oggi è diventata titolare della vita umana. La grande sciocchezza di una scienza impostata sul tornaconto scordandosi il motivo per cui esiste. Dobbiamo avere un buon motivo per essere impauriti di fronte allo scempio della medicina che non considera più l'essere umano ma solo la tecnologia messa al DISSERVIZIO della salute umana. Se togliamo il grande progresso della chirurgia con i suoi bravi chirurghi, che cosa resta ancora di buono? La medicina è diventata la serva mediocre della chirurgia, qui il primo fallimento della medicina. Un tempo la chirurgia interveniva solo nei casi estremi, la medicina era la regina della salute umana. Un tempo, quando il medico era veramente tale, interpretava con estremo rigore scientifico lo stato di salute e di malattia dei propri assistiti, conosceva vita, morte e miracoli dei propri assistiti, venivano curati nonostante i pochi mezzi a disposizione. Oggi, i troppi indegni di appartenere a questa nobile professione che si fanno chiamare professori senza averne la levatura morale e professionale, hanno distrutto quella intimità che ogni medico deve avere con il proprio assistito. Questa di oggi è una medicina del fallimento. A dire il vero esiste ancora un numero importante di medici che conservano un rapporto professionalmente intimo con i propri assistiti e questi sono gli omeopati i quali rimangono gli ultimi esemplari di una categoria in estinzione. Sono gli unici che ancora curano l'essere umano nel rispetto delle leggi.

Prima l'uomo poi la scienza


L'ortodossia medica ha il grave torto di non riconoscere che prima della scienza arriva l'essere umano. Specialmente quando l'ortodossia non tiene conto dell'umanità e della natura umana, che poi è la vera scienza.
È preoccupante la grande materialità che dirige l'operato dell'ortodossia medica. L'essere umano viene considerato poco più di una macchina, trascurando quasi completamente gli aspetti sensoriali e spirituali che sono le peculiarità che lo rendono una creatura speciale.
La riforma della sanità pubblica varata dal ministro della non salute Lorenzin, è un'ulteriore disastro che si unisce ai già precedentemente varati, sferrando il colpo di grazia ad un importante organismo dello stato che agonizza già da tempo.
I cittadini si devono ribellare a questo assurdo strapotere messo in atto per difendere gli interessi economici di una casta malvagia a danno dell'essere umano. Ricordiamoci al quattro di marzo, dipende da noi la libertà delle generazioni future. Questi individui devono andare a casa tutti, non sono più credibili e ancor meno affidabili.
Con la riforma che entrerà in vigore il 15 febbraio il potere ha definitivamente messo il bavaglio a tutti i validi professionisti che operano con profondo senso del dovere per il bene comune.

lunedì 5 febbraio 2018

L'inganno


L'immunità di gregge una bella storia che fa ridere i polli. Si risolve con le multe o con l'appuntamento all'ASL, in questo modo tutti protetti delle gravi insidie delle epidemie di morbillo. Questi vengono definiti scienziati; sono falsi più di giuda. L'immunità di gregge inventata a loro dire, per proteggere gli immunodepressi, qualcuno si è forse chiesto perché esistono gli immunodepressi? Saranno forse una categoria di extraterrestri, oppure il prodotto di una medicina che ha come lato negativo quello di produrre malattie per poi non essere più in grado di curarle?
La nostra è una società che vive alla giornata, la massima è: godo oggi e per domani si vedrà. Quando poi arriva domani e le cose iniziano andare male, non ci si fa mia culpa ma si da la colpa agli altri, così le cose non potranno fare altro che peggiorare. 

Mi sono cavato la curiosità..

sabato 3 febbraio 2018

I bambini anime innocenti


Ieri sera ho accompagnato il mio nipotino in biblioteca nel reparto dei bambini naturalmente. Il mio nipotino come si può facilmente capire non è vaccinato. La saletta della biblioteca era piena di bambini, indagando da buon omeopata quale sono ho scoperto che erano tutti vaccinati, bene tanto per farla corta nessuno di questi piccoli innocenti creature era sano: un concerto di tosse, condite con raffreddore a scolo emorragico da far paura, è inutile dirlo: l'unico sano era il mio nipotino; non solo sano ma forte, dinamico, pieno di vita, veramente un piacere vederlo scorrazzare fra i banchetti con tanta allegria tale al punto da credere che i non vaccinati siano gli unici ad avere in corpo il soffio vitale della vita.
Mi viene spontaneo dire: abbiate un sentimento di pietà per i bambini; Gesù ha detto chi vuole entrare nel regno dei cieli deve diventare come un bambino.
Mentre osservavo la platea dei bambini mi è venuto un dubbio: non sarà il mio nipotino il responsabile della malattia di tutti gli altri bambini dal momento che non contribuisce alla totalizzazione dell'immunità di gregge? Se mi è permesso, vorrei chiedere agli esperti immunologi e virologi se mi potessero tranquillizzare.

giovedì 1 febbraio 2018

Le morti premature

Questa mattina è morto un giovane giornalista di 25 anni, dicono di infarto. Io mi chiedo se si può morire di infarto a 25 anni senza un motivo? Sarebbe interessante, e perché no, anche utile sapere il perché di una morte così prematura. Bisognerebbe chiederselo senza pregiudizi ma specialmente senza voler nascondere a tutti i costi la verità. Quando muore qualcuno così giovane, il sospetto che viene spontaneo è quello di pensare che qualcosa di importante sia andato storto; e poi viene spontaneo chiederci: si sarebbe potuto evitare? La scienza, si può dire che è una trappola malefica dal momento che non riesce a capire nulla di ciò che annienta la vita in modo così drammatico? La morte è una condizione leale quando avviene in tarda età e in buon stato di salute. Non lo può essere nel modo più assoluto quando avviene prematuramente e per malattia; in questo caso la colpa è senza dubbio della scienza che non ha saputo conservare gli equilibri che la natura ha donato ad ognuno di noi.

Ora siamo più ricchi


Poco prima della data delle elezioni i padroni del vapore dipingono la condizione economica della nazione come se fosse un distaccamento del paradiso. L'occupazione è aumentata dello zero uno per cento, per contro gli inattivi, tanto per intenderci chi non lavora, sono aumentati dell'uno virgola sette per cento. Io che non capisco nulla di economia mi chiedo: dove sta il miglioramento se lo zero virgola un percento ha trovato lavoro e l'uno virgola sette per cento è a casa? I poveri sono sempre più in aumento specialmente nella fascia dei più anziani, costretti a mendicare o peggio ancora rovistare nella spazzatura alla ricerca di cibo. Non riesco a capire questi miglioramenti economici a periodi stabiliti e quasi sempre a ridosso delle elezioni. Nei primi giorni del 2018 ci sono stati talmente tanti aumenti che sono riuscito persino a perdere il conto, manca la tassa sull'aria che respiriamo e poi tutto è tassato. E questi imbroglioni continuano a dire che le condizioni sono migliorate. per loro certamente si, perché come ogni anno anche quest'anno si sono aumentato lo stipendio da parlamentare, perché, dicono, che la legge prevede l'adeguamento istat, naturalmente solo per loro. Non vi pare che come cittadini dovremmo essere stanchi di farci prendere per i fondelli?

Video: Come è divisa la ricchezza nel mondo



Post più popolari